Malattia

Cancro al seno ricorrente

Cancro al seno ricorrenteCancro al seno ricorrente è il cancro al seno che torna dopo il trattamento iniziale. Anche se il trattamento è finalizzato ad eliminare tutte le cellule tumorali, alcuni possono sopravvivere.Queste cellule tumorali non rilevati moltiplicano, diventando cancro al seno ricorrente.

Cancro al seno ricorrente può verificarsi mesi o anni dopo il trattamento iniziale. Il cancro può tornare nello stesso luogo come il tumore originale, noto come recidiva locale. Oppure può diffondersi ad altre aree, tipicamente le ossa, fegato o polmoni, noto come recidiva a distanza.

Imparare avete il cancro al seno ricorrente può essere più difficile che fare con la diagnosi iniziale. Ma avere il cancro al seno ricorrente è tutt’altro che disperata. Il trattamento può eliminare il cancro al seno ricorrente locale, regionale o distante. Anche se una cura non è possibile, il trattamento può controllare la malattia.

Sintomi

Segni e sintomi di cancro al seno ricorrente variano a seconda di dove il tumore ritorna. Può apparire come un nodulo nel seno, ispessimento della cicatrice chirurgica o un nodulo sulla parete toracica dopo una mastectomia. Esso può essere rilevato in una scoperta anomala su una mammografia del seno dove si aveva un grumo rimosso (mastectomia parziale) prima, o può presentarsi in un luogo lontano nel vostro corpo, come un osso, fegato o polmoni.

Recidiva locale

In una recidiva locale, il cancro riappare nella stessa zona, come l’originale, o “primario” del tumore. Questo potrebbe essere nella mammella residua nelle donne che hanno avuto una mastectomia parziale, o può essere nella parete toracica o pelle in donne che hanno avuto una mastectomia.

Segni e sintomi di recidiva locale all’interno della stessa mammella possono includere:

  • Un nuovo nodulo nel seno o area irregolare di fermezza
  • Un nuovo ispessimento nella vostra zona del seno
  • Un nuovo indietro tirando della pelle o fossette al sito lumpectomy
  • Infiammazione della pelle o area di arrossamento
  • Appiattimento o il rientro del capezzolo o altri cambiamenti capezzolo

Segni e sintomi di recidiva locale sulla parete toracica dopo una mastectomia possono includere:

  • Uno o più indolore noduli sopra o sotto la pelle del torace
  • Una nuova area di ispessimento lungo o in prossimità della cicatrice mastectomia

Recidiva regionale

Una ricorrenza regionale del cancro al seno significa che il cancro è tornato nei linfonodi sotto l’ascella o area clavicola. Segni e sintomi di recidiva regionale possono includere:

  • Un nodulo o gonfiore dei linfonodi sotto il braccio o nella scanalatura sopra la clavicola
  • Gonfiore del braccio
  • Dolore persistente al braccio e alla spalla
  • Aumentare la perdita di sensibilità nel braccio e la mano

Distant (metastatico) recidiva

A distanza, o metastatico, la ricorrenza significa che il tumore ha viaggiato a parti distanti del corpo, più comunemente le ossa, fegato e polmoni. I segni ed i sintomi possono includere:

  • Il dolore, come ad esempio petto o dolore alle ossa
  • Persistente, tosse secca
  • Difficoltà di respirazione
  • Perdita di appetito
  • Nausea persistente, vomito o perdita di peso
  • Forti mal di testa
  • Febbre
  • Brividi

Quando per vedere un medico

Dopo siete stati trattati per cancro al seno, si dovrebbe continuare a vedere il vostro medico regolarmente per gli esami di follow-up. Il medico dovrà verificare la presenza di eventuali segni di recidiva del cancro. Avrete anche bisogno di una mammografia annuale se tu avessi una mastectomia parziale. Eppure, molte donne scoprono il cancro al seno ricorrente in proprio. Tu conosci il tuo corpo meglio – quello che si sente normale e cosa no. Controlla il tuo seno o della parete toracica dopo mastectomia ogni mese per cercare i cambiamenti.

E ‘importante essere consapevoli dei segni e dei sintomi del cancro al seno ricorrente, come ad esempio:

  • New dolore
  • Cambiamenti o nuovi noduli al seno o chirurgica della cicatrice o parete toracica
  • Perdita di peso
  • Mancanza di respiro

Se si verificano eventuali segni e sintomi che potrebbero suggerire una ricorrenza, si rivolga al medico.

Cause

Cancro al seno ricorrente sviluppa dalle cellule che originariamente provenivano dal tumore primario al seno. Il cancro ritorna dopo il trattamento iniziale e un periodo di tempo in cui è stato rilevato nessun cancro. Questo può accadere perché il trattamento non ha distrutto o rimuovere completamente tutte le cellule tumorali. Anche con la chirurgia, i cluster microscopiche di cellule tumorali possono essere stati lasciati alle spalle che erano troppo piccole per essere rilevate con qualsiasi test disponibile.

Se il tumore è aggressivo, le cellule isolate possono sopravvivere i cicli di chemioterapia, terapia ormonale e radioterapia scopo di evitare il ripetersi.

A volte le cellule tumorali possono essere latente per anni senza causare danni. Poi accade qualcosa che attiva le cellule, in modo da crescere e fare altre cellule. Non tutti i fattori di crescita per il cancro sono stati trovati.

E ‘anche possibile sviluppare un nuovo tumore, chiamato un secondo o nuovo tumore primario, nella stessa mammella come il primo tumore o nell’altro (controlaterale) seno.Questo non è considerato cancro al seno ricorrente. Le donne che hanno avuto il cancro al seno hanno un rischio maggiore di sviluppare il cancro alla mammella rispetto alle donne che non hanno mai avuto il cancro al seno. Il rischio di sviluppare un nuovo tumore nel secondo seno è più alto se si ha una predisposizione genetica forte o il cancro al seno ereditario.Fortunatamente, la maggior parte delle donne che hanno il cancro in un seno non sviluppano il cancro al seno opposto.

Molte donne che hanno una recidiva di cancro si colpa. Ma, anche quando lo si fa tutto per bene, il cancro può a volte tornare indietro.

Fattori di rischio

Per i sopravvissuti al cancro al seno, fattori che aumentano il rischio di una reiterazione includono:

  • Lymph coinvolgimento nodo.  Trovare cancro nei linfonodi vicini al momento della diagnosi iniziale aumenta il rischio di cancro al ritorno. Le donne con molti linfonodi interessati hanno un rischio più elevato.
  • Dimensioni del tumore più grande.  donne con un grosso tumore hanno un rischio maggiore di cancro ricorrente. Le donne che hanno tumori molto grandi (più di 5 centimetri, o circa 2 pollici) – soprattutto se sono coinvolti i linfonodi – hanno un rischio molto elevato di cancro che ricorre nella stessa zona. Queste donne dovrebbero parlare con i loro medici circa il ruolo della radioterapia, anche se subiscono una mastectomia.
  • Margini del tumore positivi o chiudere.  Quando si ha un intervento per rimuovere un nodulo al seno, il chirurgo cerca di rimuovere il nodulo canceroso con un buon margine di tessuto normale. Se i confini del tumore asportato sono liberi di cancro quando esaminate al microscopio, che è considerato un margine negativo. Se una parte del bordo del tumore ha le cellule tumorali (margine positivo), o il margine tra il tumore e tessuto normale è vicino, il rischio di recidiva del tumore al seno è aumentata.
  • Mancanza di trattamento con radiazioni a seguito mastectomia parziale. donne che scelgono di preservare il seno subendo una mastectomia parziale (noto anche come “un’ampia escissione locale”) devono essere sottoposti a trattamenti di radiazione al seno rimanente per diminuire la probabilità di una recidiva locale.
  • Più giovane di età.  donne più giovani, in particolare quelli sotto i 35 anni al momento della diagnosi iniziale di cancro al seno, affrontare un rischio maggiore di cancro al seno ricorrente.
  • Cancro al seno infiammatorio.  donne con cancro al seno infiammatorio faccia un più alto rischio di recidiva locale, quindi il loro trattamento in genere comporta chemioterapia seguita da una mastectomia e poi la radiazione alla parete toracica.

Negli ultimi anni, i test genetici volti a predire il rischio di recidiva del tumore al seno si sono resi disponibili. Questi test (MammaPrint, Oncotype DX) attività di misura fino a 70 geni associati con il cancro al seno, un processo noto come profilo di espressione genica. I risultati vengono utilizzati per stimare la probabilità che il cancro di una donna tornerà. Ma finora queste prove hanno un ruolo molto limitato e sono applicabili solo per le donne con recettori estrogeni tumori positivi che non mostrano alcun segno di diffusione ai linfonodi. I test sono stati utilizzati per pianificare il trattamento per il cancro al seno primario in una piccola minoranza di donne. Sono necessarie ulteriori ricerche per determinare se questi test genetici potrebbe rivelarsi utile nel predire il rischio di ricorrenza su una scala più ampia.

Complicazioni

Recidive tumorali locali possono provocare gonfiore e disagio nella zona della ricorrenza.Recidive locali possono spesso essere curate, ma in alcune persone che hanno una recidiva locale, la malattia più tardi appare in un sito distante nel corpo, come un osso, fegato o un polmone. Una volta che un tumore si è diffuso al di là delle zone del seno e vicine, la malattia di solito non è curabile.

Prepararsi per un appuntamento

Generalmente, le persone tornano al medico che ha curato il tumore iniziale. Tuttavia, in alcuni casi, si può decidere di vedere un nuovo oncologo. Se stai vedendo un medico diverso da quello che ha curato la prima cancro al seno, assicurarsi che il nuovo medico ha accesso alle tue cartelle cliniche dal trattamento iniziale.

Cosa si può fare

  • Siate pronti a discutere i vostri nuovi sintomi  ed eventuali altri problemi di salute che hai avuto dalla tua prima diagnosi di cancro.
  • Se stai vedendo un nuovo medico, richiedere la vostra cartella clinica  dal tuo ex medico. Se si dispone già di questi, essere sicuri di portare le vostre cartelle cliniche e eventuali test di imaging che avete con voi. In caso contrario, sarà necessario firmare un modulo di rilascio di informazioni in modo che l’ufficio del vostro nuovo provider può acquisire i record.
  • Fate una lista di tutti i farmaci,  vitamine o integratori che stai prendendo. Lasciate che il vostro medico se avete provato tutti i trattamenti alternativi per il cancro.
  • In considerazione di chiedere un familiare o un amico di venire con voi.  Imparare il tumore è tornato saranno probabilmente renderà difficile ricordare tutte le informazioni fornite durante un appuntamento. Qualcuno che ti accompagna può ricordare qualcosa che hai perso o dimenticato.
  • Scrivete le domande per chiedere  il vostro medico.

Se si potrebbe avere il cancro al seno ricorrente, alcune domande fondamentali da porre al medico sono:

  • È tornato il mio cancro?
  • Ci sono altre possibili cause per i miei sintomi?
  • Che tipo di test ho bisogno? Do questi test richiedono alcuna preparazione particolare?
  • Qual è lo stato del recettore ormonale della ricorrenza del cancro?
  • Quali trattamenti sono disponibili per me in questa fase, e che mi consiglia?
  • Che tipo di effetti collaterali posso aspettarmi dal trattamento?
  • Esistono alternative all’approccio che stai suggerendo?
  • Ci sono studi clinici aperti a me?
  • Qual è la mia prognosi?

Cosa aspettarsi dal proprio medico

Il medico è in grado di chiedere una serie di domande. Essere pronti a rispondere alle loro può riservarsi il tempo di andare oltre i punti in cui vuoi dedicare più tempo. Il medico può chiedere:

  • Quando hai cominciate sperimentare di nuovo i sintomi?
  • C’è stato un cambiamento dei sintomi nel corso del tempo?
  • Do questi sintomi si sentono diverso da quando eri prima diagnosi di cancro?
  • Come ti senti in generale?
  • Avete avuto alcuna perdita di peso inaspettato? Avete perso il vostro appetito?
  • Stai vivendo il dolore?

Test e diagnosi

Se il medico sospetta cancro al seno ricorrente sulla base dei risultati di una mammografia o un esame fisico, o la presenza di segni e sintomi, avrete probabilmente bisogno di ulteriori test di imaging e di una biopsia.

I seguenti test possono essere utilizzati per aiutare a diagnosticare il cancro al seno ricorrente:

  • Ecografia al seno.  ecografia utilizza onde sonore per produrre immagini dell’interno del corpo. Per le donne che hanno avuto lumpectomy, ecografia al seno può essere utilizzato per valutare un’anomalia visto su una mammografia o trovato durante un esame fisico del vostro seno.
  • La risonanza magnetica (MRI).  RM utilizza un magnete e onde radio per rendere le immagini della parte interna del vostro corpo. RM può essere in grado di rilevare le aree anomale all’interno della mammella, della parete toracica, aree linfonodali e vasi sanguigni e nervi intorno al seno e ascella. La risonanza magnetica di per sé non può dire la differenza tra il cancro e tessuto benigno, ma può aiutare il medico a determinare le migliori zone per una biopsia o ulteriori test. Non tutte le donne con un vantaggio recidiva locale di avere una risonanza magnetica. Discutere la situazione con il medico.
  • La tomografia computerizzata (CT).  Una scansione CT è un tipo di radiografia computerizzata che fornisce immagini più dettagliati di quanto non facciano i raggi X ordinarie. TAC del torace, addome, bacino, ossa e testa può aiutare a cercare le prove di cancro che è diffuso in linfonodi mammari interni o in sedi lontane, come le ossa, i polmoni o al fegato.
  • Raggi-X.  radiografia del torace può rilevare una recidiva nei polmoni, mentre i raggi X delle ossa possono essere in grado di rilevare il cancro nelle ossa.
  • Scintigrafia ossea.  Una scintigrafia ossea può fornire un’immagine del tutto il tuo scheletro e può rilevare la ricorrenza del cancro nelle ossa. Durante una scintigrafia ossea, una piccola quantità di materiale radioattivo (tracciante) viene iniettato nel flusso sanguigno. Il tracciante si lega alle cellule ossee. Le aree con cancro assorbono più del tracciante e “accendono” a scansione.
  • Tomografia ad emissione di positroni (PET).  scansionare un PET utilizza anche materiale radioattivo iniettato nel vostro corpo per produrre un’immagine. I tumori spesso assorbono una maggiore quantità di materiale e appaiono più prominente sulla scansione. Una PET o PET ibrido / CT del tutto il tuo corpo può essere utilizzato per cercare aree di ricorrenza del cancro.
  • . Biopsia  Una biopsia – un piccolo campione di tessuto rimosso per l’analisi in laboratorio – è necessaria per confermare la diagnosi di cancro al seno ricorrente. I campioni di tessuto saranno testati per la presenza di recettori degli estrogeni e del progesterone. Un cancro al seno che rende recettori per gli estrogeni ormoni femminili e progesterone (recettore ormonale cancro positivo) può essere trattato con terapia ormonale. Lo stato del recettore ormonale del tumore può cambiare con una ricorrenza. Il tessuto è inoltre testato per quantità extra della proteina HER2, che alcuni tipi di cancro al seno sovrapproduzione. Tumori che sono HER2 positivi possono essere trattati con bioterapie che colpiscono questa proteina.
  • Gli esami del sangue.  un esame emocromocitometrico completo e test di funzionalità epatica può aiutare a valutare come il vostro corpo sta facendo e può aiutare i trattamenti di guida. I medici usano spesso esami del sangue che misurano marcatori tumorali del cancro al seno per seguire il corso di cancro. Ma marcatori tumorali non sono specifici per una ricorrenza del cancro. Questi test non sono raccomandati per la ricerca di una ricorrenza, in quanto non sono sempre affidabili.

Trattamenti e farmaci

Per pianificare il trattamento per il cancro al seno ricorrente, il medico prende in considerazione molti fattori, tra cui l’estensione della malattia, il suo stato del recettore ormonale e il tipo di trattamento che hai ricevuto per il tuo primo cancro al seno. La maggior parte delle donne ricevono una combinazione di trattamenti per il cancro al seno ricorrente che può includere la chirurgia, radiazioni, farmaci per distruggere le cellule tumorali (chemioterapia) e la terapia ormonale. Tumori al seno che rendono quantità extra di proteina HER2 possono essere trattati con una terapia mirata come trastuzumab (Herceptin).

Decisioni di trattamento per il cancro al seno ricorrente sono complessi e individualizzati.Parlate con il vostro team di assistenza sanitaria per conoscere le opzioni di trattamento.

Trattamento di una recidiva locale

Trattamento per una recidiva locale inizia in genere con una operazione e può includere radiazioni se non hai avuto prima, chemioterapia e terapia ormonale.

  • Chirurgia.  Per il cancro al seno ricorrente che è confinato al seno, il solito trattamento è mastectomia. Durante una mastectomia, il chirurgo rimuove tutto il tessuto del seno – lobuli, dotti, tessuto adiposo, pelle e capezzolo. Se il primo tumore al seno è stato trattato con mastectomia e il tumore ritorna nella parete toracica, si può avere un intervento chirurgico per rimuovere il nuovo cancro con un margine di tessuto normale.Una recidiva locale può essere accompagnato da un cancro nascosto nei linfonodi vicini.Per questo motivo, il chirurgo può rimuovere alcuni o tutti i linfonodi sotto il braccio (ascellare dissezione) durante l’intervento se non sono stati rimossi durante il trattamento iniziale.
  • Radioterapia.  radioterapia utilizza raggi X ad alta energia per distruggere le cellule tumorali. Se non avete avuto la radioterapia per il primo cancro al seno, il medico può raccomandare ora. Ma se tu avessi radiazioni dopo una mastectomia parziale, radiazioni per trattare la ricorrenza non è di solito consigliata a causa del rischio di effetti collaterali.
  • La terapia farmacologica (chemioterapia).  Se il cancro al seno ricorrente è il tipo infiammatorio o coinvolge la pelle, il medico può raccomandare la chemioterapia prima dell’intervento chirurgico. La chemioterapia può anche essere raccomandato se il vostro cancro ricorrente è così vasto che la chirurgia non è un’opzione o terapia ormonale se si è precedentemente ricevuto.
  • La terapia ormonale.  farmaci che bloccano gli effetti promotori della crescita di estrogeni e progesterone può essere raccomandato se il cancro è recettore ormonale positivo. La terapia ormonale può ridurre e controllare il cancro al seno ricorrente. La terapia ormonale può comprendere tamoxifene o un inibitore dell’aromatasi, come Anastrozolo (Arimidex), Letrozolo (Femara), o Exemestane (Aromasin).

Trattare una ricorrenza regionale

Se è possibile, la chirurgia per rimuovere il tumore è il trattamento raccomandato per una ricorrenza regionale. Il chirurgo può anche rimuovere i linfonodi sotto il braccio (dissezione ascellare), se sono ancora presenti. A volte la radioterapia può essere utilizzato dopo la chirurgia.

Se la rimozione chirurgica non è possibile, la radioterapia può essere usato come trattamento principale. Chemioterapia o terapia ormonale può anche essere raccomandato come trattamento principale o possono seguire la chirurgia o la radioterapia.

Trattare una ricorrenza metastatico

Il trattamento per il cancro al seno ricorrente che è diffuso oltre la regione al seno comporta diverse opzioni. E ‘importante lavorare con il medico per capire ciò che è più appropriato per la vostra situazione particolare. Se un trattamento non funziona o smette di funzionare, si può essere in grado di provare altri trattamenti.

In generale, l’obiettivo del trattamento di una recidiva metastatica non è quello di curare la malattia. Il trattamento può consentire di vivere più a lungo e può contribuire ad alleviare i sintomi del cancro sta causando. Il medico cercherà di raggiungere un equilibrio tra controllo i sintomi, riducendo al minimo gli effetti tossici del trattamento. L’obiettivo è quello di aiutarvi a vivere al meglio il più a lungo possibile.

Se il tumore si è diffuso ad altre parti del corpo, trattamento per una ricorrenza metastatico di solito coinvolge il corpo intero terapia (sistemica), piuttosto che una terapia locale come la chirurgia o radioterapia. Opzioni per la terapia sistemica includono la terapia ormonale, chemioterapia o terapia mirata. Poiché la terapia ormonale è meno tossico rispetto alla chemioterapia, il medico potrebbe iniziare con tamoxifene o un inibitore dell’aromatasi. Ma se il vostro cancro è in rapida crescita o si è già diffuso ad altri organi come i polmoni e il fegato o se avete già ricevuto la terapia ormonale, il medico potrebbe raccomandare di iniziare con la chemioterapia.

Se il tumore è HER2 positivo, si può anche ricevere una terapia mirata per attaccare la proteina che sta overproduced in questi tumori. Terapie mirate comprendono trastuzumab (Herceptin) o lapatinib (Tykerb).

A seconda di dove il cancro si è diffuso e che cosa sta causando i sintomi, si può anche avere localizzato trattamenti, come farmaci o radiazioni.

Gli studi clinici

Il medico è probabile che consente di sapere se sei idoneo per qualsiasi sperimentazione clinica di nuovi farmaci o trattamenti. Se lui o lei non ha suggerito una sperimentazione clinica e Sareste interessati a partecipare a uno, lasciate che il vostro medico sapere.

Stile di vita e rimedi casalinghi

Mangiare bene, l’esercizio e la gestione dello stress sono modi per promuovere la vostra salute generale e affrontare il cancro e il trattamento.

Mangiare bene

Una buona alimentazione durante il trattamento del cancro può aiutare a mantenere la vostra resistenza e la capacità di far fronte agli effetti collaterali dei trattamenti. Ma mangiare bene può essere difficile se il trattamento comprende la chemioterapia o la radioterapia. Per i momenti in cui non ti senti bene, provate queste strategie:

  • Mangiare cibi ricchi di proteine.  alimenti ricchi di proteine ​​può aiutare a costruire e riparare i tessuti del corpo. Le scelte includono uova, yogurt, ricotta, burro di arachidi, pollame e pesce. Fagioli, ceci e piselli dagli occhi neri sono anche buone fonti di proteine, soprattutto se combinato con riso, mais o pane.
  • Mantenere una mente aperta circa gli alimenti che mangiate.  Qualcosa che non fa appello oggi potrebbe gustare al meglio domani o la prossima settimana.
  • Quando ci si sente bene, fare la maggior parte di esso.  Mangiare come molti cibi sani come si può. Preparare i pasti che si può facilmente congelare e riscaldare. Anche cercare basso contenuto di grassi cene congelati ed altri alimenti preparati.
  • Mangiare piccole quantità di cibo più frequentemente.  Se non è possibile affrontare il pensiero di un grande pasto, provate a mangiare piccole quantità di cibo più spesso. Conservare frutta e verdura a portata di mano per gli spuntini.

Rimanere attivi

L’attività fisica regolare può aiutare ad alleviare l’ansia e la depressione, migliorare il vostro umore e ridurre i segni ed i sintomi di stanchezza, nausea, dolore e diarrea. L’attività non deve essere faticoso – attività moderata, come camminare, andare in bicicletta, nuoto e yardwork portare benefici. Un po ‘di movimento fisico è meglio di niente.

Gestire lo stress

Metodi per ridurre la tensione muscolare può aiutare a gestire lo stress. Una tecnica semplice e potente è quello di chiudere gli occhi e notare la respirazione. Prestare attenzione ad ogni inspirazione ed espirazione. Il tuo respiro diventa più lenta e profonda, favorendo il rilassamento. Un’altra tecnica è quella di sdraiarsi, chiudere gli occhi e mentalmente eseguire la scansione dell’intero corpo per tutti i punti di tensione.

Inoltre, le attività che richiedono movimenti ripetitivi, come il nuoto, in grado di produrre uno stato mentale simile a quello ottenuto con la meditazione. Lo stesso vale per lo yoga e altri esercizi di stretching.

Medicina alternativa

Quando la gente imparare si ha il cancro, essi possono offrire consigli o raccontare qualcuno che conoscono che ha avuto il cancro al seno che è stata curata con un trattamento alternativo. Si può essere tentati di considerare trattamenti alternativi, soprattutto quando le opzioni possono essere svanendo. Tuttavia, i trattamenti alternativi hanno dimostrato di essere efficaci trattamenti del cancro.

Anche quando le persone decidono di provare una terapia alternativa, molti trascurano di raccontare i loro medici. Ma, è importante lasciare che il vostro medico sapere tutto quello che si sta prendendo per prevenire eventuali reazioni avverse pericolose. Un’altra preoccupazione in merito a trattamenti alternativi è che alcune persone ritardare ottenere trattamenti potenzialmente salvavita per cercare un’alternativa prima.

Coping e supporto

Scoprire il tumore al seno è tornato può essere altrettanto o più sconvolgente di ottenere la diagnosi iniziale. La prospettiva di ulteriori interruzioni, trattamenti e l’incertezza è stressante.Ma, dopo il colpo iniziale della diagnosi, molte donne trovano la loro visione migliora.

Come si ordinano attraverso le vostre emozioni e prendere decisioni circa il trattamento, i seguenti suggerimenti possono aiutare a far fronte.

  • Essere informati.  Scopri cosa puoi fare per la tua salute in questo momento e sui servizi disponibili. Parlate con il vostro medico di famiglia e quelli che si basano su di un sostegno circa le vostre opzioni di trattamento e come si vuole affrontare il processo decisionale.
  • Ottenere supporto.  Parlando con altre donne che si occupano di cancro al seno ricorrente può aiutare sia una pratica e un livello emozionale. Trova un gruppo di sostegno vicino a voi attraverso il vostro medico, un assistente sociale medico o di un’organizzazione come l’American Cancer Society. Può anche aiutare a esprimere sentimenti di paura o di incertezza con un amico o un consulente.
  • Prendetevi del tempo per voi stessi.  Pianificare in anticipo per i tempi in cui si può avere bisogno di più riposo. Tagliare impegni di tempo, e non abbiate paura di chiedere aiuto. Trovare il modo di rilassarsi.
  • Imparare a convivere con l’incertezza.  Provate a prendere nel momento presente, piuttosto che soffermarsi su un futuro incerto. Usa la tua energia per concentrarsi sul benessere e di trovare modi per essere tranquillo.
  • Cercare una connessione a qualcosa oltre se stessi. Avere una forte fede o un senso di qualcosa più grande di te aiuta molte persone a far fronte con il cancro.

Prevenzione

Niente può garantire la vostra cancro al seno non tornerà. La maggior parte delle donne che sono trattate per cancro al seno in stadio precoce rimangono liberi da malattia. Molte persone che soffrono di una recidiva del cancro si colpa per non mangiare a destra, manca una visita medico o qualcos’altro. E ‘importante rendersi conto che, anche se si fa tutto giusto, il cancro potrebbe ritornare.

Cose che hanno dimostrato di ridurre il rischio di cancro al seno ricorrente sono:

  • Tamoxifene o una terapia inibitore dell’aromatasi.  Dopo il trattamento iniziale per il cancro al seno positivo recettore dell’estrogeno, prendendo il tamoxifene per cinque anni riduce il rischio di recidiva del tumore al seno. Altre ricerche suggeriscono che alcune donne potrebbero beneficiare ancora di più il passaggio ad un inibitore dell’aromatasi dopo l’assunzione di tamoxifene per 2-3 anni, o dopo cinque anni, o prendendo un inibitore dell’aromatasi, invece di tamoxifene. La decisione deve essere presa su base individuale in base al cancro particolare.
  • Chemioterapia.  Per le donne ad alto rischio di recidiva del tumore, la chemioterapia ha dimostrato di diminuire la possibilità che si ripetano, e coloro che ricevono la chemioterapia vivere più a lungo.
  • Radioterapia.  donne che hanno avuto un intervento al seno-sparing per curare il tumore al seno e quelli che hanno avuto un grosso tumore o cancro al seno infiammatorio hanno una probabilità inferiore del cancro che ricorre se sono trattati con la radioterapia.
  • Trastuzumab (Herceptin).  Per le donne il cui tumore rende proteina HER2 extra, il trastuzumab farmaco può diminuire la probabilità di cancro ricorrenti.
  • Di peso sano.  Mantenere un peso sano per la tua età e altezza può aiutare a diminuire il rischio di cancro al seno ricorrente.

Ricerca guardando aspetti specifici della dieta – come frutta e verdura e grassi – e il rischio di cancro al seno ricorrente non ha dato risultati conclusivi.

Powered by: Wordpress