Malattia

Carcinoma duttale in situ (DCIS)

Carcinoma duttale in situ (DCIS)Carcinoma duttale in situ (DCIS) è la presenza di cellule anomale all’interno di un condotto latte nel seno. DCIS è considerata la prima forma di cancro al seno. DCIS è invasivo, che significa che non si è diffuso dalla canalina di latte di invadere altre parti del seno.

DCIS si trova di solito durante una mammografia fatta come parte di screening del cancro al seno. A causa di un aumento di screening con mammografia, il tasso a cui viene diagnosticato carcinoma duttale in situ è ​​aumentato drammaticamente negli ultimi anni.

Mentre DCIS non è pericolosa per la vita, che richiede un trattamento per evitare che la condizione diventi invasiva. La maggior parte delle donne affette da carcinoma duttale in situ vengono efficacemente trattati con la chirurgia conservativa del seno e la radiazione.

Sintomi

CDIS non causa alcun segno o sintomo nella maggior parte dei casi. Tuttavia, DCIS possono a volte causare segni e sintomi, come ad esempio:

  • Un nodulo al seno
  • Sanguinosa capezzolo scarico

DCIS si trova di solito su una mammografia.

Quando per vedere un medico di
prendere un appuntamento con il medico se si nota un cambiamento nel tuo seno, come un nodulo, una zona di pelle raggrinzita o comunque insolita, una regione ispessita sotto la pelle, o secrezione dal capezzolo. Rivolgersi al proprio medico per averlo valutato.

Chiedete al vostro medico quando si dovrebbe prendere in considerazione lo screening del cancro al seno e quanto spesso dovrebbe essere ripetuta. La maggior parte dei gruppi raccomandano lo screening del cancro al seno di routine a partire dal vostro 40s. Parlate con il medico su ciò che è giusto per te.

Cause

Non è chiaro che cosa causa DCIS. DCIS si forma quando si verificano mutazioni genetiche nel DNA delle cellule del dotto mammario. Le mutazioni genetiche Se le cellule sembrano anormali, ma le cellule non hanno ancora la capacità di rompere fuori del dotto mammario.

I ricercatori non sanno esattamente che cosa innesca la crescita anormale delle cellule che porta a DCIS. E ‘probabile che un certo numero di fattori che possono giocare un ruolo, compresi i geni passati a voi dai vostri genitori, il vostro ambiente e il vostro stile di vita.

Fattori di rischio

I fattori che possono aumentare il rischio di carcinoma duttale in situ sono:

  • L’aumento dell’età
  • Storia personale di malattia mammaria benigna, quali iperplasia atipica
  • Storia familiare di cancro al seno
  • Prima gravidanza dopo i 30 anni
  • Assunzione di terapia ormonale sostitutiva estro-progestinici combinazione dopo la menopausa
  • Mutazioni genetiche che aumentano il rischio di cancro al seno, come nel cancro al seno geni BRCA1 e BRCA2

Prepararsi per un appuntamento

Fissare un appuntamento con il medico se si nota un nodulo o eventuali altri cambiamenti insoliti nel tuo seno.

Se avete già avuto un seno un’anomalia valutata da un medico e stanno facendo un appuntamento per un secondo parere, portare le immagini mammografia diagnostici originali e biopsia risultati al nuovo appuntamento. Queste dovrebbero includere le immagini mammografiche, CD ecografia e vetrini dal tuo biopsia mammaria. Prendete questi elementi al nuovo appuntamento, o richiedere che l’ufficio in cui è stata eseguita la prima valutazione inviare questi documenti al secondo parere medico.

Ecco alcune informazioni per aiutarvi a ottenere pronto per l’appuntamento, e cosa aspettarsi dal proprio medico.

Cosa si può fare

  • Scrivete la vostra storia medica,  comprese le eventuali condizioni benigne del seno con il quale siete stati diagnosticati. Inoltre i radioterapia si può avere ricevuto, anche anni fa.
  • Nota alcuna storia familiare di cancro al seno,  soprattutto in un parente di primo grado, come tua madre o la sorella.
  • Fate una lista dei vostri farmaci.  Includere  tutti i farmaci da prescrizione o over-the-counter si sta assumendo, così come tutte le vitamine, integratori o rimedi a base di erbe. Se si sta attualmente prendendo o ha precedentemente assunto la terapia ormonale sostitutiva, condividere con il medico.
  • Chiedi un familiare o un amico ad unirsi a voi per l’appuntamento di famiglia. Solo sentire la parola “cancro” può rendere difficile per la maggior parte delle persone a concentrarsi su ciò che il medico dice successiva. Prendere qualcuno lungo che può aiutare ad assorbire tutte le informazioni.
  • Scrivete le domande da porre  al medico. Creare la vostra lista di domande in anticipo può aiutare a fare la maggior parte del vostro tempo con il vostro medico.

Ecco alcune delle domande fondamentali da porre al medico di DCIS. Se si verificano ulteriori domande per voi durante la vostra visita, non esitate a chiedere.

  • Devo cancro al seno?
  • Quali esami devo per determinare il tipo e dallo stadio del tumore?
  • Che approccio di trattamento mi consiglia?
  • Quali sono i possibili effetti collaterali o complicanze di questo trattamento?
  • In generale, quanto è efficace questo trattamento nelle donne con una diagnosi simile?
  • Sono un candidato per il tamoxifene?
  • Sono a rischio di questa condizione ricorrente?
  • Sono a rischio di sviluppare il cancro al seno invasivo?
  • Come pensate di curare il cancro al seno se lo fa ritorno?
  • Quanto spesso avrò bisogno le visite di follow-up dopo aver finito il trattamento?
  • Quali cambiamenti dello stile di vita può aiutare a ridurre il rischio di recidiva del tumore?
  • Ho bisogno di un secondo parere?
  • Dovrei vedere un consulente genetico?

Cosa aspettarsi dal proprio medico
Il medico rischia di farti una serie di domande. Essere pronti a rispondere alle loro può riservarsi il tempo di andare oltre i punti che si desidera parlare in profondità. Il medico può chiedere:

  • Hai superato la menopausa?
  • Stai usando o ha usato tutti i farmaci o integratori per alleviare i sintomi della menopausa?
  • Avete avuto altre biopsie al seno o operazioni?
  • Vi siete stati diagnosticati con qualsiasi condizione del seno precedenti, tra cui le condizioni non tumorali?
  • Sei stato diagnosticato con altre condizioni mediche?
  • Hai una storia familiare di cancro al seno?
  • Avete i vostri vicini o parenti di sesso femminile mai state testate per le mutazioni del gene BRCA?
  • Hai mai avuto la radioterapia?
  • Qual è la vostra tipica dieta quotidiana, tra cui l’assunzione di alcol?
  • Sei fisicamente attivi?

I test e diagnosi

Imaging del seno
DCIS è più spesso scoperto durante una mammografia utilizzata per lo screening per il cancro al seno. Se le aree sospette come ombre o macchie bianche luminose (microcalcificazioni) sono identificate sulla mammografia, il tuo radiologo probabilmente vi consiglierà di imaging del seno aggiuntivo. Si può avere una mammografia diagnostica, che prende viste a maggiore ingrandimento da più angolazioni, a dare un’occhiata più da vicino le microcalcificazioni e per valutare entrambi i seni. Se l’area di preoccupazione necessita di ulteriori valutazioni, il prossimo passo potrebbe essere una biopsia ecografia, risonanza (MRI) o al seno magnetico.

Rimozione di campioni di tessuto del seno per la verifica
Per raccogliere i tessuti del seno per il test, è possibile sottoporsi a uno o più tipi di procedure di biopsia al seno:

  • Biopsia ago.  Un radiologo o chirurgo utilizza un ago cavo per rimuovere campioni di tessuto dalla zona sospetta. I campioni di tessuto sono inviati ad un laboratorio per l’analisi.
  • Biopsia stereotassica.  Questo tipo di biopsia comporta anche la rimozione di campioni di tessuto con un ago cavo, ma con l’aiuto di immagini stereo – immagini mammografia della stessa area ottenuta da diverse angolazioni – trovare (localizzare) l’area di interesse.
  • Biopsia chirurgica (escissione locale ampia o mastectomia parziale).  Se i risultati di una biopsia core o biopsia stereotassica mostrano aree di carcinoma duttale in situ, è probabile che fare riferimento ad un chirurgo per discutere le opzioni per la rimozione chirurgica di una più vasta zona di tessuto del seno per l’analisi.

Un patologo analizzerà il tessuto del seno dalla biopsia per determinare se le cellule anormali sono presenti e in che modo aggressivo le cellule anomale appaiono. Se la mammografia ha mostrato microcalcificazioni, il patologo esamina il campione bioptico per quelle anomalie.

Trattamenti e farmaci

Trattamento di DCIS ha un’alta probabilità di successo, in molti casi, la rimozione del tumore e prevenire eventuali recidive.

Nella maggior parte dei casi, le opzioni di trattamento per il carcinoma duttale in situ sono:

  • Lumpectomy e radioterapia
  • Semplice mastectomia

In alcuni casi, le opzioni di trattamento possono comprendere:

  • Solo Lumpectomy
  • Mastectomia parziale e il farmaco tamoxifene

Chirurgia
Se siete diagnosticati con carcinoma duttale in situ, una delle prime decisioni che dovrete prendere è se trattare la condizione con la chirurgia conservativa del seno (mastectomia parziale) o allattamento rimozione chirurgica (mastectomia).

  • Mastectomia parziale.  Lumpectomy è un intervento chirurgico per rimuovere l’area di DCIS e un margine di tessuto sano che lo circonda. La procedura consente di mantenere il più del vostro seno il più possibile e, a seconda della quantità di tessuto rimosso, di solito elimina la necessità di ricostruzione del seno.Mastectomia parziale seguita da radioterapia è il trattamento più comune per DCIS. La ricerca suggerisce che, mentre le donne trattate con mastectomia parziale sono leggermente più alti tassi di recidiva rispetto alle donne che si sottopongono a mastectomia, i tassi di sopravvivenza tra i due gruppi sono molto simili.

    Per le donne anziane con più condizioni mediche, tumorectomia più la terapia con tamoxifene, nodulectomia solo o nessun trattamento può essere un’opzione.

  • Mastectomia.  Per il trattamento di carcinoma duttale in situ, una semplice mastectomia – la rimozione del tessuto del seno, della pelle, areola e capezzolo, e possibilmente i linfonodi ascellari (biopsia del linfonodo sentinella) – è una opzione.Ricostruzione del seno dopo mastectomia, se lo si desidera, può essere eseguita nella maggior parte dei casi. Perché mastectomia parziale combinato con radiazioni è ugualmente efficace, semplice mastectomia è meno comune di quanto era una volta per il trattamento di carcinoma duttale in situ.

La maggior parte delle donne affette da carcinoma duttale in situ sono candidati per la mastectomia parziale. Tuttavia, mastectomia può essere raccomandato se:

  • Avete una vasta area di DCIS.  Se l’area è grande rispetto alle dimensioni del vostro seno, una mastectomia parziale non può produrre risultati estetici accettabili.
  • C’è più di una zona di carcinoma duttale in situ (malattia multifocale o multicentrico).  E ‘difficile da rimuovere più aree di carcinoma duttale in situ con una mastectomia parziale. Ciò è particolarmente vero se DCIS si trova in diverse sezioni – o quadranti – del seno.
  • I campioni di tessuto prelevati per le cellule tumorali mostrano biopsia o in prossimità del bordo (margine) del campione di tessuto.  Ci possono essere più DCIS di quanto si pensasse in origine, il che significa che una mastectomia parziale potrebbe non essere sufficiente per eliminare tutte le aree di carcinoma duttale in situ. Se l’area di DCIS è grande, rispetto alle dimensioni del seno, mastectomia parziale può produrre risultati estetici inaccettabili.
  • Tu non sei un candidato per la terapia radiante.  radioterapia viene di solito dato dopo una mastectomia parziale. Potrebbe non essere un candidato, se siete diagnosticati nel primo trimestre di gravidanza, hai ricevuto radiazioni prima di petto o al seno, o si dispone di una condizione che ti rende più sensibili agli effetti collaterali della radioterapia.
  • Si preferisce avere una mastectomia invece di una mastectomia parziale.  , ad esempio, non si potrebbe desiderare una mastectomia parziale se non si vuole avere la radioterapia.

La chirurgia per carcinoma duttale in situ in genere non comporta la rimozione dei linfonodi da sotto il braccio, perché si tratta di un cancro invasivo. La possibilità di trovare il cancro nei linfonodi è estremamente piccola. Se il tessuto ottenuto durante l’intervento chirurgico porta il medico a pensare il cancro potrebbe essersi diffuso al di fuori del dotto mammario o si stanno avendo una mastectomia, poi una biopsia del linfonodo sentinella o la rimozione di alcuni linfonodi può essere fatto come parte di un intervento chirurgico.

Radioterapia
La radioterapia utilizza raggi ad alta energia, come i raggi X, per uccidere le cellule tumorali.La radioterapia dopo mastectomia parziale riduce la possibilità che DCIS tornerà (si ripetono), o che saranno progressi per cancro invasivo. Un tipo di radioterapia chiamato radioterapia esterna è più comunemente usato per il trattamento di carcinoma duttale in situ.

La radiazione è in genere utilizzato dopo mastectomia parziale. Ma per alcune donne, le radiazioni non può essere necessario. Questo potrebbe includere quelli con solo una piccola area di DCIS che è considerato di basso grado ed è stato completamente rimosso durante l’intervento chirurgico, o può includere le donne anziane con problemi di salute significativi.

Tamoxifene
I blocchi farmaco tamoxifene l’azione degli estrogeni – un ormone che alimenta alcune cellule del cancro al seno e promuove la crescita del tumore – per ridurre il rischio di sviluppare carcinoma mammario invasivo. Tamoxifen è efficace solo contro i tumori che crescono in risposta agli ormoni (ormone recettore tumori positivi).

Tamoxifene non è un trattamento per il carcinoma duttale in situ in sé e per sé, ma può essere considerato come terapia aggiuntiva (adiuvante), dopo un intervento chirurgico o radiazioni, nel tentativo di diminuire le probabilità di sviluppare una recidiva di carcinoma duttale in situ o di carcinoma mammario invasivo in entrambi seno nel futuro. Se si sceglie di avere una mastectomia, c’è meno motivo di usare il tamoxifene. Con una mastectomia, il rischio di cancro mammario invasivo o DCIS ricorrenti nella piccola quantità di tessuto mammario residuo è molto piccola. Qualsiasi potenziale beneficio dal tamoxifene si applicherebbe solo al seno opposto. Discutere i pro ei contro di tamoxifene con il medico.

Medicina alternativa

Nessun trattamento di medicina alternativa sono stati trovati per curare DCIS o per ridurre il rischio di diagnosi di un carcinoma mammario invasivo. Invece, trattamenti complementari e medicina alternativa può aiutare a far fronte alla diagnosi e gli effetti collaterali del vostro trattamento, come ad esempio l’ansia.

Le donne con carcinoma duttale in situ possono provare ansia come si preoccupano che cosa significa la diagnosi per la loro salute. L’ansia può rendere difficile per voi a concentrarsi ed a dormire la notte. Potreste trovarvi costantemente pensare al tuo diagnosi.Per aiutarvi a far fronte con la vostra ansia, si potrebbe provare:

  • Massaggi
  • Meditazione
  • Musicoterapia
  • Ipnosi
  • Le tecniche di rilassamento, come l’immaginazione guidata
  • Tai chi
  • Yoga

Coping e supporto

Una diagnosi di carcinoma duttale in situ può essere travolgente e spaventoso. Per affrontare meglio la diagnosi, può essere utile per:

  • Per saperne abbastanza di carcinoma duttale in situ per prendere decisioni relative alla sua assistenza.  vostre domande medico circa la vostra diagnosi e i risultati patologia. Utilizzare queste informazioni per le opzioni di ricerca di trattamento.Guardate a fonti affidabili di informazioni, come ad esempio il National Cancer Institute e l’American Cancer Society, per saperne di più. Questo può aiutare a sentirsi più sicuri poichè fate le scelte circa la vostra cura.
  • Richiedi assistenza in caso di necessità.  Non abbiate paura di chiedere aiuto o di rivolgersi a un amico fidato, quando è necessario condividere i tuoi sentimenti e le preoccupazioni. Parlare con un consulente o assistente sociale medico se avete bisogno di un ascoltatore più obiettivo. Partecipa a un gruppo di sostegno – nella vostra comunità o online – di donne che attraversano una situazione simile alla tua.
  • Controllare ciò che è possibile per la vostra salute.  Apportare modifiche al tuo stile di vita sano, in modo da poter sentire il tuo meglio. Scegliere una dieta sana che si concentra su frutta, verdura e cereali integrali. Cercate di essere attivi per 30 minuti la maggior parte dei giorni della settimana. Ottenere abbastanza sonno ogni notte in modo che ti svegli riposato. Trovare il modo di affrontare lo stress nella vostra vita.
Powered by: Wordpress