Malattia

Tularemia

TularemiaTularemia è una rara malattia infettiva che può attaccare la pelle, gli occhi, i linfonodi, polmoni e, meno spesso, di altri organi interni. Spesso chiamata febbre del coniglio o fly febbre cervo, la tularemia è causata dal batterio Francisella tularensis. La malattia colpisce soprattutto i mammiferi, soprattutto roditori, conigli e lepri, ma può anche infettare uccelli, rettili e pesci.

Tularemia si diffonde per l’uomo attraverso diversi percorsi, tra cui punture di insetti e l’esposizione diretta ad un animale infetto. Altamente contagiosa e potenzialmente fatale, tularemia di solito può essere trattata efficacemente con antibiotici specifici, se diagnosticato precocemente.

Sintomi

La maggior parte delle persone esposte alla tularemia che si ammalano generalmente farlo entro due a 10 giorni. Esistono diversi tipi di tularemia, e di quale tipo si ottiene dipende da come e dove i batteri entrano nel corpo. Più comunemente, entrano attraverso la pelle o le mucose, ma possono anche essere inalati o mangiati. Ogni tipo di tularemia ha una propria serie di sintomi.

Tularemia Ulceroglandular

Questo è di gran lunga la forma più comune della malattia. Segni e sintomi includono:

  • Un ulcera cutanea che si forma presso il sito di infezione – di solito una puntura d’insetto o animale
  • Ghiandole linfatiche gonfie e doloranti
  • Febbre
  • Brividi
  • Mal di testa
  • Esaurimento

Tularemia ghiandolare

Le persone affette da tularemia ghiandolare hanno gli stessi segni e sintomi di tularemia ulceroglandular, salvo non ulcere della pelle.

Tularemia oculoghiandolare

Questa forma colpisce gli occhi e può causare:

  • Dolore agli occhi
  • Arrossamento degli occhi
  • Gonfiore degli occhi e lo scarico
  • Un ulcera all’interno della palpebra

Tularemia orofaringea

Di solito causata da consumo di carne di animali selvatici cotto male o bevendo acqua contaminata, questa forma colpisce l’apparato digerente. Segni e sintomi includono:

  • Febbre
  • Mal di gola (faringite)
  • Ulcere della bocca
  • Vomito
  • Diarrea

Tularemia polmonare

Più comune negli anziani e nelle persone con tularemia tifoidea, questo provoca segni e sintomi tipici della polmonite:

  • Tosse
  • Dolore toracico
  • Difficoltà di respirazione

Altre forme di tularemia possono anche diffondersi ai polmoni.

Tularemia tifoidea

Questa forma rara e grave della malattia di solito provoca:

  • Febbre alta
  • Esaurimento estremo
  • Vomito e diarrea
  • Ingrossamento della milza (splenomegalia)
  • Ingrossamento del fegato (epatomegalia)
  • Polmonite

Quando per vedere un medico

Se si pensa di essere stati esposti a tularemia – soprattutto se si è stati morsi da una zecca o gestito un animale selvatico in un’area in cui tularemia è trovato e hanno sviluppato febbre, ulcere cutanee o gonfiore delle ghiandole – vedere un medico al più presto possibile. Se si prova positiva per la malattia, è necessario iniziare il trattamento antibiotico subito.

Cause

Tularemia non si verifica naturalmente nel corpo umano e non è noto a passare da persona a persona. Tuttavia, tularemia si verifica in tutto il mondo, soprattutto nelle zone rurali, perché molti mammiferi, uccelli, insetti e pesci sono infettati con F. tularensis. L’organismo può vivere per settimane nel suolo, acqua e animali morti.

A differenza di alcune malattie infettive che si diffondono dagli animali alle persone attraverso un unico percorso, tularemia ha diverse modalità di trasmissione. Come si ottiene la malattia di solito determina il tipo e la gravità dei sintomi. In generale, è possibile ottenere tularemia attraverso:

  • Punture di insetti .  Sebbene un certo numero di insetti portano tularemia, zecche e mosche cervi sono più probabilità di trasmettere la malattia agli esseri umani. Punture di zecche provocano un gran numero di casi di tularemia ulceroglandular.
  • Esposizione di animali malati o morti .  Ulceroglandular tularemia può anche derivare dalla manipolazione o essere stato morso da un animale infetto, il più delle volte un coniglio o lepre. I batteri entrano nella pelle attraverso piccoli tagli e abrasioni o un morso, e si forma un ulcera presso il sito della ferita. La forma oculare di tularemia può verificarsi quando si strofinano gli occhi dopo aver toccato un animale infetto.
  • Batteri presenti nell’aria.  batteri presenti nel suolo possono diventare nell’aria durante il giardinaggio, costruzione o altre attività che disturbano la terra. L’inalazione dei batteri può portare alla tularemia polmonare. Personale di laboratorio che lavorano con tularemia sono anche a rischio di infezione per via aerea.
  • Cibo o acqua contaminati.  Anche se raro, è possibile ottenere tularemia dal mangiare carne poco cotta di un animale infetto o bevendo acqua contaminata. I segni includono vomito, diarrea e altri problemi digestivi (tularemia orofaringeo). Il calore uccide F. tularensis, così cucinare carne alla giusta temperatura – un minimo di 160 F (71,1 C), carne di maiale e carne macinata e di selvaggina, 145 F (62,8 C) per bistecche e arrosti d’allevamento – per renderlo sicuro a mangiare.
  • Fattori di rischio

  • Anche se chiunque di qualsiasi età può sviluppare tularemia, impegnandosi in determinate occupazioni o attività o che vivono in alcune zone rappresentano un rischio maggiore.

    Vivono o visitano alcune zone

    Negli Stati Uniti, le persone che vivono o visitano le aree di Arkansas, Missouri e Oklahoma possono essere a maggior rischio a causa della concentrazione di zecche in quelle zone.

    Avendo alcuni hobby o professioni

    Di seguito può aumentare il rischio di sviluppare tularemia:

    • Caccia e cattura.  Perché i cacciatori gestiscono animali selvatici, sono esposti a sangue animale e possono mangiare la loro carne, sono a rischio di tularemia.
    • Giardinaggio o servizi paesaggistici.  giardinieri e paesaggisti può anche essere a rischio di tularemia. Essi sono più probabilità di sviluppare tularemia polmonare, una delle forme meno comuni e più mortale della malattia. E ‘possibile che i giardinieri inalare batteri che si agitano durante la lavorazione del suolo o quando si utilizza falciatrici e tagliaerba erbaccia.
    • Lavorare in gestione della fauna selvatica o di medicina veterinaria. persone che lavorano con la fauna selvatica sono ad aumentato rischio di tularemia.

Complicazioni

Se non curata, la tularemia può essere fatale. Altre complicazioni possibili includono:

  • . Infiammazione dei polmoni (polmonite)  La polmonite può portare a insufficienza respiratoria – una condizione in cui i polmoni non prendono in abbastanza ossigeno, rilasciano anidride carbonica sufficiente o di entrambi.
  • L’infezione intorno al cervello e il midollo spinale (meningite). meningite è un’infezione grave e talvolta pericolosa per la vita del fluido e delle membrane (meningi) che circonda il cervello e il midollo spinale. Segni e sintomi di meningite batterica comprendono febbre alta, forte mal di testa, rigidità del collo e sensibilità alla luce. Se non trattata tempestivamente, la meningite batterica può causare danni al cervello e persino la morte.
  • Irritazione intorno al cuore (pericardite).  Questo è il gonfiore e l’irritazione del pericardio, la sottile membrana che circonda il cuore. Pericardite Lieve spesso migliora senza trattamento, ma i casi più gravi può richiedere una terapia antibiotica.
  • Infezione ossea (osteomielite).  batteri tularemia talvolta diffondono alle ossa, causando dolore, diminuzione del range di movimento delle articolazioni vicine, e talvolta arrossamento della pelle, la tenerezza o ferite aperte nelle zone colpite.

Prepararsi per un appuntamento

È molto probabile che iniziare a vedere il vostro medico di famiglia o medico di medicina generale. Tuttavia, in alcuni casi, quando si chiama per fissare un appuntamento, si può fare riferimento immediatamente a uno specialista di malattie infettive.

Ecco le informazioni per aiutarvi a preparare per il vostro appuntamento.

Cosa si può fare

  • Elencare i sintomi,  comprese quelle che possono sembrare estranei alla ragione per cui è stato programmato l’appuntamento.
  • Scrivere tutte le informazioni personali,  in particolare le attività recenti, come la caccia o il giardinaggio o in viaggio per infestate da zecche aree.
  • Fate un elenco di tutti i farmaci,  vitamine o integratori che stai prendendo.
  • Scrivete le domande per chiedere  il vostro medico.

Preparare un elenco di domande che il medico vi aiuterà a fare la maggior parte del vostro tempo insieme. Elencate le vostre domande dal più importante al meno importante. Per tularemia, alcune domande fondamentali da porre al medico sono:

  • Che probabilmente è la causa miei sintomi o condizioni?
  • Altro che la causa più probabile, quali sono le altre possibili cause per i miei sintomi o condizioni?
  • Quali esami ho bisogno?
  • Qual è il miglior modo di agire?
  • Quali sono le alternative per l’approccio primario stai suggerendo?
  • Ho altre condizioni di salute. Come posso gestire al meglio insieme?
  • C’è un’alternativa generica al farmaco che stai prescrizione?
  • Ci sono opuscoli o altro materiale stampato che posso portare con me? Quali siti web mi consiglia?

Non esitate a chiedere altre domande pertinenti che avete.

Cosa aspettarsi dal proprio medico

Il medico è in grado di chiedere una serie di domande, tra cui:

  • Quando hai iniziato ad avvertire i sintomi?
  • Aree Sei stato a caccia, giardinaggio o viaggiare a tick-pesanti di recente?
  • I sintomi sono in continuo o occasionale?
  • Quanto gravi sono i sintomi?
  • Che cosa, se non altro, sembra migliorare i sintomi?
  • Che cosa, se non altro, sembra peggiorare i sintomi?

Test e diagnosi

Perché è raro e perché condivide i sintomi con altre malattie, tularemia può essere difficile da diagnosticare. I medici possono controllare F. tularensis in un campione di sangue o di espettorato che è colta per favorire la crescita dei batteri. Ma il modo preferito per diagnosticare tularemia solito è identificare anticorpi ai batteri in un campione di sangue. Lei è anche probabile avere una radiografia del torace per cercare segni di polmonite.

Trattamenti e farmaci

Tularemia può essere trattata efficacemente con antibiotici come la streptomicina o gentamicina, che sono dati per iniezione direttamente in un muscolo o vena. A seconda del tipo di tularemia trattata, i medici possono prescrivere antibiotici orali quali doxiciclina (Oracea, Vibramycin, altri) invece.

Riceverai inoltre la terapia per eventuali complicazioni come la meningite o polmonite. In generale, si dovrebbe essere immune alla tularemia dopo il recupero dalla malattia, ma alcune persone potrebbe verificarsi una recidiva o reinfezione.

Prevenzione

I tentativi di sviluppare un vaccino tularemia non hanno avuto successo finora. Se si lavora in una professione ad alto rischio o vivete in una zona dove tularemia è presente, queste misure possono contribuire a ridurre le probabilità di infezione:

  • Proteggersi dagli insetti.  maggior parte delle persone si tularemia però zecche. Se si passa il tempo nelle zone infestate da zecche, indossare camicie a maniche lunghe e pantaloni lunghi, infilare i pantaloni nelle vostre calze, e utilizzare un cappello a tesa larga per proteggere il viso e il collo. Anche bundle, avrete bisogno di controllare la vostra pelle e indumenti spesso per le zecche.Utilizzare un repellente per insetti, ma seguire attentamente le indicazioni del produttore.I prodotti contenenti DEET sono ancora considerati i più efficaci contro le zecche, anche se l’olio di eucalipto limone o insetticidi naturali può offrire una certa protezione.Utilizzare la più bassa concentrazione di repellente per le circostanze, applicare con moderazione, e lavare via alla fine della giornata. Non utilizzare repellenti contenenti DEET sui bambini di età inferiore ai due mesi. Mettetevi alla prova per le zecche spesso e rimuoverli immediatamente se si trova qualcuno.
  • Fate attenzione quando giardinaggio.  giardinieri domestici e paesaggisti professionali dovrebbero considerare di indossare una maschera quando scavo del terreno, la compensazione erbacce o pennello, o falciare i prati.
  • Maneggiare con cura gli animali .  Se si caccia o gestire conigli selvatici e lepri, indossare guanti e occhiali protettivi e lavarsi accuratamente le mani con acqua calda e sapone dopo aver toccato l’animale. Cuocere tutte le carni selvatiche a fondo, e di evitare la scuoiatura o vestirsi qualsiasi animale che sembrava malato.
  • Proteggete i vostri animali domestici .  Animali, animali domestici possono contrarre la tularemia se mangiano parte di un coniglio malato o sono morsi da una zecca infetta.Per aiutare a mantenere i vostri animali domestici sicuri, evitare di lasciare all’esterno senza sorveglianza, fornire loro pulci e zecche protezione e non lasciarli venire a contatto con animali selvatici o morti.
Powered by: Wordpress